Skip to main content

Il percorso professionale di Giuseppe

Ogni giorno apprendevo nuove competenze, passai da effettuare piccole modifiche su componenti, allo sviluppo di assiemi sempre più grandi e complessi...

GiuseppeTeam Machinery

Ho conosciuto People Design in maniera insolita, avevo visto un video bellissimo che celebrava l’ingegneria meccanica sui social network. Decisi di fare i complimenti alla persona che lo aveva postato. Si trattava di uno dei collaboratori dell’azienda, decisi di scrivergli un messaggio di complimenti. “Buongiorno , complimenti per il video pubblicato, molto affascinante. Sono prossimo alla laurea, magari un giorno potremo incontrarci” .La sua risposta: “Ciao Giuseppe, l’azienda per cui lavoro è in cerca di nuovi progettisti, invia un cv a People Design”. Ho mandato il mio cv senza troppe speranze. Sono stato contattato dopo solo 2 giorni e, dopo aver sostenuto 3 colloqui, ho iniziato la mia collaborazione con l’azienda. La prima impressione è stata molto positiva. Durante i primi sei mesi ho seguito un programma di formazione mirata. Ero pronto per la prima commessa! Si trattava di un’ azienda leader nel settore del packaging alimentare con sede in Piemonte. A Torino si annullarono in poco tempo tutte le “ansie da prestazione”, la People mi aveva formato molto bene e presto quello che prima definivo cliente prese sempre più la connotazione di seconda famiglia. Passai da effettuare piccole modifiche su componenti, allo sviluppo di assiemi sempre più grandi e complessi. Dopo circa un anno assunsi il ruolo di referente del team People in azienda. Ero felice e tranquillo per come la mia vita procedesse, e a rendermi tranquillo c’era anche la sicurezza di avere alle spalle un’azienda, la mia azienda, che controllava che tutto fosseok dentro e fuori dall’ufficio.

Purtroppo, per problemi personali sono andato via dall’azienda per tornare dalla mia famiglia. In Puglia, proprio grazie alla formazione e alla forma mentis acquisita grazie a People, ho trovato lavoro in un’azienda operante nell’automazione industriale e robotica, raggiungendo dei traguardi professionali importanti. Ho vissuto le fasi della pandemia progettando macchine per la produzione di mascherine chirurgiche ed FFP2. Ero vicino alla mia famiglia e con un ruolo importante in un’azienda locale, eppure sentivo mi mancasse qualcosa. Dopo circa un anno e mezzo avevo riacquistato la forza di rimettermi in gioco, di crescere ulteriormente e riprendere le redini di un percorso di crescita interrottosi bruscamente. Il mio ex- referente in People mi ha proposto di risalire a bordo, ed è così che, nel febbraio 2021, è ricominciata la mia avventura lavorativa in People, presso lo stesso cliente.

È stata una gioia ancor più grande del mio primo ingresso in azienda!

Cosa rappresenta per te People Design?

Lavorare in People per me è stata una grande fortuna, ho conosciuto realtà aziendali che sono vere e proprie eccellenze in tutto il mondo, tanta esperienza e cultura del “lavorare bene”. Il valore aggiunto del fare il consulente è quello di apprendere conoscenze trasversali da più realtà (leader nei rispettivi settori nel caso dei clienti People), aver la possibilità di conoscere gente e città nuove, aver la possibilità di cambiare azienda nel caso il lavoro diventi ripetitivo e poco stimolante. Per fare il consulente occorre avere tanto spirito di adattamento e voglia di mettersi in gioco. È un lavoro adatto alle persone dinamiche.

Lavorare in People per me è stata una grande fortuna, ho conosciuto realtà aziendali che sono vere e proprie eccellenze in tutto il mondo, tanta esperienza e cultura del “lavorare bene

GiuseppeTeam Machinery